In ricordo di Pietro Torielli

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato diffuso da Assomac in occasione della scomparsa di Pietro Torielli.

“Pietro Torielli è scomparso il 6 dicembre 2013. Era nato a Vigevano il 13 maggio 1938. Dopo aver completato gli studi al Northampton Technical College entra a far parte dell’azienda di macchine per calzaturifici che il padre, Pietro Torielli senior, aveva fondato nel 1924.

Già nel 1966 Pietro Torielli diventa presidente della società di famiglia, Torielli Spa, e porta un notevole impulso all’evoluzione internazionale della propria società.

Negli anni ’80 e ’90 amplia la rete distributiva con alcune filiali, collocandole nelle zone strategicamente più importanti. Nascono così uffici Torielli a Madras, oggi Chennai, New Delhi, prendono corpo Torielli do Brasil Ltda e Torielli Far East, nonché l’australiana Torielli Shoe Machinery Pty Ltd e la Torielli South Africa Pty Ltd. Queste sedi assicurano una tempestiva e qualificata assistenza, sia commerciale, sia post–‐vendita.

Nel 1986 il Governo Italiano riconosce la vocazione internazionale della Torielli ed il presidente del Consiglio Bettino Craxi consegna a Pietro Torielli il Premio Export, riservato, in occasione del Cinquantenario della Repubblica, alle 100 industrie nazionali che si sono distinte per importanza e prestigio esportando il “Made in Italy” in tutto il mondo.

Pietro Torielli è stato Presidente Europeo del Comitato Tecnico per la realizzazione delle norme di sicurezza delle macchine per la produzione di calzature; Presidente della Federazione Europea dei Costruttori di Macchine per Calzatura, Pelletteria e Conceria (CEMCC); Consulente per il Governo indiano nell’ambito del “National Leather Development Programme”.

Attualmente era anche membro del “Leather Panel” presso l’Unido, organismo che definisce le strategie mondiali del settore pelle e calzature dell’Agenzia che fa capo alle Nazioni Unite e Presidente del Gruppo di Lavoro Pelle/Calzature italo–‐iraniano sorto per iniziativa dei due Governi.

Pietro Torielli non ha mai lesinato il proprio impegno anche sul territorio, al punto da essere chiamato nel 2000 alla vice presidenza della Fondazione di Piacenza e Vigevano. E’ stato Consigliere, a suo tempo anche Presidente, del Consorzio Nazionale dei Santi Crispino e Crispiniano.

Era inoltre membro del Consiglio Direttivo di ASSOMAC, l’Associazione dei costruttori di macchine per calzature, pelletterie e concerie, di cui è stato Presidente dal 1995 al 1999 contribuendo al suo sviluppo e all’affermazione dei settori industriali rappresentati da ASSOMAC a livello internazionale”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here