Calzaturiero vittima dell’industria del falso

L’Italia, leader tra i produttori di calzature di fascia alta e di lusso nell’Unione Europea, è anche uno dei primi Paesi esportatori a livello mondiale: va da sé che la tutela del Made in Italy di un prodotto manifatturiero tanto pregiato, è una battaglia fondamentale”. Lo ha detto il presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sui fenomeni della contraffazione, della pirateria in campo commerciale e del commercio abusivo, Mario Catania nel corso dell’audizione odierna del Presidente di Assocalzaturifici, Cleto Sagripanti.

“Oggi abbiamo ascoltato la voce di Assocalzaturifici, che conta oltre settecento aziende iscritte con quasi 80mila addetti e costituisce una realtà molto rappresentativa di un settore che fattura più di 7 miliardi di euro l’anno, ed esporta circa l’80% della sua produzione” afferma l’ex Ministro Catania.
“Le calzature made in Italy sono prodotti di successo, pilastri fondamentali del nostro sistema export – spiega il deputato di Scelta Civica – ma, con il 73% dei marchi oggetto di contraffazione, rappresentano purtroppo il bersaglio privilegiato dall’industria del falso che oggi dilaga anche via Internet”.
“Con la Commissione da me presieduta stiamo in particolare portando avanti un lavoro tematico, a cura dell’Onorevole Filippo Gallinella (M5S), sulla la contraffazione dei prodotti calzaturieri che procura un danno ingente all’economia, alla qualità e alla creatività del design italiano che ci rende unici ed apprezzati in tutto il mondo” conclude Mario Catania.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here