“Un Talento per la Scarpa”: podio tutto spagnolo

Parla spagnolo l’edizione della maggiore età del concorso internazionale per giovani stilisti “Un Talento per la Scarpa” promosso da Sammauroindustria. Prima di tutto per il vincitore, ancora una volta (la quinta) un giovane messicano, Miguel Jacobo Reyna Gomez. Ma non solo. Perché anche la piazza d’onore è in lingua spagnola, Luis Felipe Alvares Torres di Madrid. E se a questo aggiungiamo il terzo posto di un’altra messicana, Cecilia Yvonne Garcia Cobas di Guadalajara (ex aequo con l’italiana Benedetta Lupo), ecco che il quadro tutto spagnolo è fatto. È la prima volta che succede. Il

Lavoro Gomez Il concorso è organizzato da Sammauroindustria, che raccoglie le principali aziende calzaturiere del distretto di San Mauro Pascoli (Casadei, Gianvito Rossi, Giuseppe Zanotti, Pollini, Sergio Rossi, Tgp), insieme all’industria Ivas, Comune di San Mauro Pascoli e Cercal, in collaborazione con Unindustria di Forlì-Cesena.

Classe 1986, Miguel Jacobo Reyna Gomez, studente dell’università De la Salle a Guanajuato (Messico) ha sbaragliato i 139 partecipanti da tutto il mondo realizzando il miglior lavoro sul tema la “Grande bellezza: da Venere a Marlyn Monroe”. Questa la motivazione della giuria composta dagli stilisti delle aziende di San Mauro: “Marilyn per sempre: una cascata di pietre preziose per tre calzature gioiello femminili, sensuali e senza tempo disegnati con uno stile scattante ed espressivo”. Al giovane messicano l’attende un periodo formativo di tre mesi e mezzo presso la Scuola internazionale di Calzature, il Cercal, e sei mesi presso una delle quattro aziende calzaturiere associate a Sammauroindustria, oltre a un rimborso spese di 4.000 euro.

Il podio vede al secondo posto lo spagnolo Luis Felipe Alvarez Torres classe 1994, studente di Alicante. Questa la motivazione: “Drappeggi e gioielli raccontano una collezione presentata con chiarezza, creatività e fattibilità”.

Terzo posto ex aequo con Cecilia Yvonne Garcia Cobas studente di Guadalajara, nata nel 1976, con questa motivazione: “Venere, Nefertiti, Audery, Marilyn: quattro donne, quattro icone di diversa bellezza sono l’ispirazione per una collezione creativa ed artistica”. Insieme a lei Benedetta Lupo di Cervia, vincitrice dell’edizione 2006 di questo concorso, con questa motivazione: “Un’ostrica che contiene una moltitudine di scarpe eclettiche disegnate con humor e professionalità”.

A seguire gli altri piazzamenti: quinto posto per Mary Joyce Pasahol di Ponte San Giovanni (Perugia), sesto ex aequo per Giada Fabbri di Gatteo e Matteo Pasini di Savignano sul Rubicone. Ottavo sempre ex aequo per Virginia Paglierani di Santa Giustina (Rimini) e Edoardo Battellini di Gubbio (Perugia). Decimo per il messicano Carlos Adrian Oliva Rodriguez insieme a Beatrice Moroni di Rimini.

Cinque le scuole partecipanti, due le vincitrici: l’Ipia “Marie Curie” di Savignano sul Rubicone per il “Tanto impegno e bravura nel mantenere la tradizione della manualità e creatività del territorio del distretto”; l’Universitad De La Salle di Leon, Guanajuato (Messico) per “una continua conferma del talento e dell’estro degli allievi di questa Università”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here