Lordh è una giovanissima startup (operativa da inizio ottobre) di calzature Made in Italy di alta qualità. Il progetto è nato da un’idea che Lorenzo Gramegna, giovane designer di origini pugliesi, ha avuto in seguito ad analisi di mercato e ad alcuni avvenimenti durante il periodo di lockdown.

Lo scopo è tutelare le maestranze calzaturiere che non sono potute tornare nei loro laboratori e nelle loro manovie a causa di annullamenti e mancanza di ordini di produzione.
Uno dei principali obiettivi è dunque sostenere il Made in Italy, riportando i clienti internazionali e gli italiani stessi ad acquistare italiano e a custodire questa arte e tradizione.

Inoltre, Lordh risponde a una precisa esigenza condivisa dallo stesso Gramegna, ex giocatore di pallavolo alto quasi due metri e con un 48 di piedi: offrire eleganti creazioni artigiane, accessibili per numero (taglie 39 – 52) e anche per prezzo.

lordh

Lordh: comunicazione e sapienza artigiana

Il progetto nasce in digitale, comunicando con la propria community tramite Instagram, Facebook e Linkedin.

Il continuo scambio e confronto con chi acquista è fondamentale: durante ogni fase il cliente finale si relaziona solo ed esclusivamente con il team Lordh, supportato da sapienti maestri artigiani.

Il gruppo alla base della startup è composto da Lorenzo e altri cinque ragazzi e ragazze con abilità differenti. Si aggiunge poi la collaborazione di un’azienda manifatturiera composta da circa 20 artigiani, che utilizzano strumentazioni quali premonta, calzera, garbasperoni e lavorano il resto a mano.

Prodotto e lavorazioni di Lordh

Tutti i modelli Lordh sono realizzati in pellame crust bianco e solo in seguito vengono rifiniti a mano. Il colore di base si presta per essere lavorato con tinture, creme e cere e donare sfumature e anticature originali e irripetibili.

Questo pellame, che a un primo impatto sembra rigido e secco, dopo un paio di giorni di utilizzo dona comfort al tatto e durante la calzata. «Le scarpe Lordh hanno tomaia e fodera in pelle e cuoio in ogni componente, dal soletto di montaggio alle suole, dove combiniamo cuoio alla gomma, per creare grip per le giornate piovose e flessibilità a ciò che il cuoio ruba» racconta Lorenzo.

Lordh sta inoltre lavorando a un prodotto personalizzato che presenterà fino a 64 combinazioni, per accentuare l’idea di “senza tempo” e “su richiesta”, rivolta a un cliente che vuole ai propri piedi qualcosa di unico e originale.

Il cliente potrà scegliere tra:

  • otto modelli disegnati personalmente da Gramegna (Oxford, Derby, Monkstrap, Wholecut, Penny Loafer, Tassel Loafer, Lace up Boot, Chelsea Boot);
  • quattro sfumature (nero, oceano, cioccolato e cognac);
  • due suole (fondo cuoio e gomma liscia o fondo cuoio e gomma carrarmato).

Per consentire a ogni cliente che sceglie Lordh per la prima volta di provare la calzata e la lunghezza della taglia scelta, il brand concede anche il reso gratuito.

 

Non perdere l’articolo completo su
Tecnica Calzaturiera di Dicembre!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here