Gucci prepara campagna vaccinale per i dipendenti

Anche Gucci, come altre aziende, ha dato disponibilità a usufruire delle proprie sedi per effettuare i vaccini anti Covid-19 ai propri dipendenti. Aderendo all’iniziativa di Confindustria, l’azienda ha espresso la volontà di offrire questa opportunità agli oltre 6000 collaboratori di uffici, fabbriche e negozi, non appena i vaccini saranno messi a disposizione delle aziende private. Gucci si unisce così alle altre società del Gruppo Kering, che ha a sua volta offerto i propri locali e quelli degli altri marchi e aziende del Gruppo operanti in Italia per la campagna vaccinale.

Dall’inizio della pandemia, Gucci si è attivato con numerose iniziative solidali, sostenendo la preparazione della campagna di vaccinazione ed effettuando una donazione di 500.000 dollari a favore dell’Unicef per contribuire a un’equa distribuzione del vaccino contro il Covid-19 nelle aree più vulnerabili del mondo. In seguito l’azienda ha donato 2 milioni di euro alle campagne di crowdfunding a sostegno del dipartimento della protezione civile in Italia.

Marco Bizzarri, ceo e presidente di Gucci

«La tutela della salute dei dipendenti e la sicurezza dei luoghi di lavoro è per Gucci una priorità – ha dichiarato Marco Bizzarri, ceo e presidente dell’azienda -. La pandemia ci ha messo di fronte a sfide inaspettate. Sin da subito abbiamo messo le persone al centro e avviato iniziative per tutelare la comunità in cui operiamo: dai nostri dipendenti ai fornitori, offrendo supporto al personale sanitario e alle comunità più vulnerabili. Con l’accelerare della campagna vaccinale, cresce il nostro impegno per il Paese dove Gucci è nata: l’Italia. Metteremo, con orgoglio, le nostre sedi a disposizione della campagna vaccinale».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here