La calzatura sportiva di Treviso tra i protagonisti di Top 500

Sandro Parisotto, presidente Scarpa

PwC sta conducendo un programma di ricerca e analisi del tessuto imprenditoriale italiano, mettendo a confronto le Top 500 aziende presenti nei numerosi sistemi produttivi locali italiani. In una serie di live streaming, la società dà voce alle imprese più rappresentative dei distretti e settori merceologici della Penisola.

Tra questi, un evento è stato recentemente dedicato all’area di Treviso, in cui un’importante attività produttiva è rappresentata dal distretto montebellunese della calzatura sportiva. Questo è costituito da molte imprese di piccole dimensioni, spesso però proprietarie di marchi molto noti in alcune nicchie. A rappresentare questo comparto è intervenuto all’evento Sandro Parisotto, presidente del Calzaturificio Scarpa, che ha affrontato il tema dell’aggregazione tra imprese, oggi una scelta a volte obbligata per le difficoltà dovute alla pandemia.

Il Calzaturificio Scarpa ha chiuso il 2020 con un fatturato in linea all’anno precedente e pari a circa 110 milioni di euro. Un successo favorito anche dalla grande attenzione alla sostenibilità, che ha permesso all’azienda di arrivare a produrre una scarpa completamente biodegradabile, realizzata grazie a un lavoro di ricerca sui materiali durato due anni. «Ci sono aziende più grosse della nostra – ha dichiarato Parisotto parlando di aggregazione – ma ogni discorso va bene se si parla di creare e unire un polo che riesca anche a tutelare quel know-how del distretto che altrimenti si rischia di perdere. Si possono aggregare aziende che siano complementari, che non si fanno concorrenza, sennò una delle due dovrebbe eliminare prodotti dal mercato».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here